de fr it

JakobVetsch

28.10.1879 Nesslau, 22.11.1942 Zurigo, rif., di Grabs. Figlio di Jakob, maestro elementare, e di Seline Näf. 1) (1918) Marguerite Hübscher, figlia di Jacques, finanziere; 2) (1940) Frieda Honstetter. Studiò dapprima germanistica, anglistica e filosofia all'Univ. di Zurigo (dottorato nel 1907) e, dal 1909, diritto ed economia politica (esame di Stato nel 1914, seguito da un periodo di pratica nello studio legale Fick e dal dottorato in diritto nel 1917). Nel 1903 entrò nella redazione dello Schweizerisches Idiotikon. Fu poi segr. della Soc. sviz. dei fabbricanti di birra (1916-22). Confrontatosi, a Londra e Parigi, con i lati negativi del capitalismo, pubblicò a proprie spese il romanzo utopico Die Sonnenstadt (1923), che diffuse a fini propagandistici e cui fece seguire i sei volumi della Mundistische Schriftenfolge (1923-24). L'opera, che propugna l'abolizione del denaro e l'amore libero, suscitò reazioni di rifiuto, anche veementi. Rovinato economicamente, V. fuggì a Vaduz per sottrarsi all'internamento in una clinica psichiatrica. Dal 1934, dopo essersi distanziato dalle sue teorie, visse a Oberägeri totalmente dimenticato.

Riferimenti bibliografici

  • Die Sonnenstadt, 1982 (rist. leggermente accorciata, con postfazione biografica di C. Linsmayer)
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 28.10.1879 ✝︎ 22.11.1942