de fr it

Florenziano

Dal XVI sec. e fino a Jean Gremaud, gli storici del Vallese menzionarono tra i primi vescovi di Sion un F. che verosimilmente sarebbe stato martirizzato dai Vandali. Questa tradizione si fondava sulla cronaca di Sigeberto di Gembloux (XI sec.) che nell'anno 411 ricorda tra le vittime del re Croco F. e Ilario, definiti Sedunenses (di Sion). Secondo tutte le fonti antiche, tuttavia, F. era un laico e venne martirizzato nel territorio di Autun, a Pseudunum (Sémont). La tradizione si fondava dunque su una grafia e un'interpretazione inesatte.

Riferimenti bibliografici

  • J. Gremaud, Catalogue des évêques de Sion, 1863, 477-480
  • G. Bardy, «Les martyrs de Chrocus», in Revue d'histoire de l'Eglise de France, 21, 1935, 5-29