de fr it

Heddo

prima del 700, dopo il 762 . Discendente da una fam. nobile alemanna, nel 727 fu nominato abate di Reichenau da Firmino, fondatore del convento. Promosse l'insediamento nei conventi di Niederaltaich (Baviera), Murbach (Alsazia) e Pfäfers. Costretto all'esilio a Uri dal duca alemanno Theudebald (732), venne liberato da Carlo Martello, reinsediato come abate e in seguito eletto vescovo di Strasburgo (734). Ebbe un'influenza determinante sulla riforma della Chiesa nella diocesi di Strasburgo (tra l'altro con la fondazione dei conventi di Ettenheimmünster e Münster nel Gregorienthal).

Riferimenti bibliografici

  • H. Schnyder, «H., Abt der Reichenau und Bischhof von Strassburg», in HNU, 37/38, 1982/1983, 19-50
  • HS, III/1, 1067 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Eberl, Immo: "Heddo", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 29.11.2007(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/012678/2007-11-29/, consultato il 24.11.2020.