de fr it

Tourbillon

Complesso fortificato a nord est della città vecchia di Sion (VS) e della chiesa fortificata Valère. Situato su una collina rocciosa che sovrasta la pianura di ca. 180 m di altezza, la sua superficie si estende da est a ovest per ca. 200 m e da nord a sud per ca. 50 m. Gli scavi archeologici attestano una colonizzazione della collina nel V sec. a.C. Nel ME fungeva da posto di guardia in tempo di guerra. Il complesso fortificato venne fatto costruire dal vescovo Boniface de Challant verso il 1294, per proteggere Sion dalla nobiltà in rivolta guidata da Pierre IV de la Tour. I conti di Savoia occuparono e amministrarono la fortezza tra il 1352 e il 1361 e tra il 1384 e il 1392. Fu conquistata nel 1417, durante l'affare di Raron, dagli ab. dell'alto Vallese e in parte distrutta. Il vescovo Wilhelm III von Raron fece ripristinare il sito (1440-50) e ridipingere la cappella. Da allora il vescovo di Sion utilizzò il T. quale residenza estiva. Venne distrutta dall'incendio di Sion del 1788 assieme alla galleria dei ritratti dei vescovi e agli antichi fondi dell'archivio vescovile. Nel 1977 le rovine della fortezza, consolidate alla fine del XIX e nel XX sec., vennero inserite nell'inventario dei monumenti di importanza nazionale.

Riferimenti bibliografici

  • P. Elsig, Le château de Tourbillon, 1997
Link
Controllo di autorità
GND