de fr it

Theodolf

Dopo il suo insediamento quale vescovo di Coira tra il settembre dell'887 e il 22.1.888, partecipò ai sinodi di Magonza (888) e Tribur (895, Trebur presso Magonza) e presenziò alla consacrazione del convento di S. Emmerano a Ratisbona da parte di papa Formoso (898). Fu presumibilmente inviato da re Arnolfo ad Arles per confermare l'elezione di re Ludovico III il Cieco. In seguito è attestato alle corti di Forchheim (903) e Strasburgo (913). Nel 912 re Corrado I gli conferì pieni poteri inquisitori.

Riferimenti bibliografici

  • J. G. Mayer, Geschichte des Bistums Chur, 1, 1907, 121-123
  • HS, I/1, 471 sg.
Link
Altri link
e-LIR

Suggerimento di citazione

Eberl, Immo: "Theodolf", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 30.01.2012(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/013006/2012-01-30/, consultato il 18.01.2021.