de fr it

Verendarius

Menz. dall'836 all'842 come vescovo di Coira, fu un deciso sostenitore dell'unità dell'Impero franco. Per questo motivo Ludovico il Pio gli confermò i possedimenti in Alsazia e Lotario I donò alla cella di Serris presso Flums, che V. aveva fondato in sostituzione di Pfäfers, separata dalla diocesi di Coira, le chiese a Sufers e nello Schanfigg. Ancora nell'842 partecipò al sinodo di Milano. Tuttavia, quando nell'843 Ludovico il Germanico, sovrano del regno franco orientale, si affermò in Rezia e Coira fu attribuita definitivamente all'arcidiocesi di Magonza, V. dovette probabilmente abbandonare la carica episcopale.

Riferimenti bibliografici

  • I. Müller, Disentiser Klostergeschichte, 1942
  • HS, I/1, 471
  • R. Kaiser, Churrätien im frühen Mittelalter, 1998 (ed. rivista e ampliata 20082)
Link
Altri link
e-LIR

Suggerimento di citazione

Pfaff, Carl: "Verendarius", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 04.02.2013(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/013032/2013-02-04/, consultato il 20.10.2020.