de fr it

JeanRatzé

ca. 1535 Friburgo, nel dicembre del 1596 forse in Francia, catt., di Friburgo. Figlio di Peter, membro del Piccolo Consiglio, e di Anneli Wehrli. Ursula Fryod, vedova di D. Montenach, Consigliere. Fu membro del Gran Consiglio (1558), del Consiglio dei Sessanta (1563) e del Consiglio segreto (1568-70) di Friburgo. Fu balivo di Bossonnens (1563-68), alfiere (1569-71) e responsabile dell'artiglieria (1594-96). Capitano e comandante dei 400 uomini della compagnia sviz. a Lione (1571-94), fu poi capitano della guardia (1594). Fu iniziatore della biblioteca scolastica e provvisore presso il collegio Saint-Michel di Friburgo, fondato dall'amico Pietro Canisio. Sul modello della sua casa a Lione fece erigere a Friburgo il palazzo R. (1581-84); l'edificio in stile rinascimentale (con giardino) ospita dal 1922 il Museo d'arte e di storia.

Riferimenti bibliografici

  • C. Waeber, Der Garten des Ratzé-Hofes, 2001
  • A. Lauper, Jean Fumal - Ratzéhof, 1581-1584, 2003
Link

Suggerimento di citazione

Foerster, Hubert: "Ratzé, Jean", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 16.12.2011(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/013109/2011-12-16/, consultato il 09.03.2021.