de fr it

JeanBagnyon

forse nel 1412 a Bretonnières, dopo il 1497 . Compì studi giur. Notaio giurato del tribunale ecclesiastico di Losanna nel 1461. Su commissione del canonico Henri Bolomier, tra il 1465 e il 1470 scrisse una Histoire de Charlemagne, che si basava su fonti lat. (Falso Turpino e Vincenzo di Beauvais) e franc. (l'epopea cavalleresca di Fierabras). L'opera, il primo romanzo in lingua franc. ad essere stampato (a Ginevra nel 1478), ebbe un notevole successo fino al XVII sec. e fu tradotta in inglese, spagnolo e ted. Dal 1479 si dedicò alla politica; nel gennaio del 1481 i syndic lo scelsero come consigliere per l'unione fra la Cité e la Ville inférieure, di cui trascrisse l'atto nel mese di luglio. Nel settembre dello stesso anno venne eletto syndic. Dopo qualche anno abbandonò la città e si stabilì a Ginevra, dove scrisse un trattato sulle libertà della città (Tractatus potestatum dominorum et libertatum subditorum, 1487), grazie al quale il 6.4.1487 entrò a far parte della cittadinanza. A partire dal 1497 non se ne ha più notizia.

Riferimenti bibliografici

  • Histoire de Charlemagne, a cura di H.-E. Keller, 1992
  • H.-E. Keller, «J. Bagnyon, pseudo-chroniqueur du XVe siècle», in Et c'est la fin pour quoy sommes ensemble, 1993, 783-792
  • Francillon, Littérature, 1, 33 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ forse nel 1412 ✝︎ dopo il 1497