de fr it

Seppey

Frazione del com. di Vulliens (VD); (1250: Sépey; poi: Sépey-près-Vulliens; dal 1954: S.). Sul piano ecclesiastico fa capo alla parrocchia di Syens. Fece parte del baliaggio di Moudon (1536-1798) e del distr. di Oron (1798-2006). Dal XVI sec. fu una signoria, separata da quella di Vulliens, dotata di castello e corte di giustizia, con un castellano, un segr. e nove giurati. Appartenne alle fam. de Vulliens, de Genève-Lullin, de Villarzel, Clavel (1668) e Burnand (1759). Questi ultimi, privati dei loro diritti feudali nel 1798, conservarono la residenza, dove il pittore Eugène Burnand installò il proprio atelier.

Riferimenti bibliografici

  • C. Pasche, La contrée d'Oron, 1895 (rist. 1988)
  • R. Burnand, «Seppey», in RHV, 1957, 46-57
Scheda informativa
Prima/e menzione/i
1250: Sépey

Suggerimento di citazione

Meystre-Schaeren, Nicole: "Seppey", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 22.12.2010(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/013166/2010-12-22/, consultato il 29.11.2020.