de fr it

Territet

Villaggio nel com. di Montreux (VD, in quello di Les Planches fino al 1961), distr. Vevey; (1618: Tarritet). Frazione formata da cinque case del com. parrocchiale di Montreux (1693), alla metà del XIX sec. T. si sviluppò grazie al turismo. Furono inaugurati una stazione ferroviaria sulla linea del Sempione (1861), un imbarcadero (1866) e le funicolari T.-Glion (1883) e T.-Mont Fleuri (1910). La chiesa inglese venne costruita nel 1874. Su iniziativa di Ami Chessex, albergatore e uomo politico che con il cognato Alexandre Emery fu alla base dello sviluppo folgorante dell'industria alberghiera di Montreux, il Chasseur des Alpes (1841), in origine un albergo modesto, fu trasformato nell'Hôtel des Alpes (1855), poi Grand Hôtel et Hôtel des Alpes (1888; con nuovi edifici nel 1895, 1904 e 1911). Elisabetta d'Austria (a cui venne dedicato un monumento nel 1902) vi soggiornò quattro volte e l'imperatore Francesco Giuseppe vi si recò nel 1893.

Riferimenti bibliografici

  • R. Koenig, A. Schwab-Courvoisier, Vevey-Montreux photographiés par nos aïeux, 1973, 162-171
  • D. Lüthi, Le Grand Hôtel et Hôtel des Alpes à Territet, [1998]

Suggerimento di citazione

Lüthi-Graf, Evelyne: "Territet", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 05.07.2000(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/013171/2000-07-05/, consultato il 25.01.2021.