de fr it

Lira

La lira (ted. Pfund, franc. livre), il cui nome deriva dalla libbra, antica unità di peso, nell'alto ME divenne una moneta di conto equivalente a 240 Denari. Come tale rimase in uso in Svizzera fino all'introduzione del Franco nel 1850, soprattutto in riferimento a patrimoni e immobili (Denaro). Ancora nell'alto ME la libbra romana, corrispondente a 324,72 g, costituiva la base del sistema monetale. Carlomagno ne incrementò il peso e con la riforma monetaria del 793/794 stabilì che con una libbra d'argento si sarebbero coniati 240 denari. Il Soldo, in origine una moneta aurea tardoromana risp. bizantina, assunse ora il ruolo di unità di conto, pari a 12 denari; nacque così il sistema monetale carolingio (1 lira = 20 soldi = 240 denari). Nei quattro sec. successivi, furono coniati soltanto i denari. In seguito al loro deprezzamento venne presto meno anche la loro doppia funzione di unità di peso e di calcolo; il sistema fondato sulla lira, il soldo e il denaro si diffuse però oltre i confini dell'Impero carolingio fino in Spagna, Italia e Inghilterra. La svalutazione dei denari, il cui valore nel periodo carolingio era stato dappertutto il medesimo, fu più o meno forte a seconda del contesto territoriale. Nel basso ME nacquero così unità di conto locali, la cui provenienza doveva essere specificata nei documenti (ad esempio "lira di Zurigo"). Dalla metà del XIV sec. nella Svizzera ted. si diffusero nuovi tipi di lira, basati sul doppio denaro (Angster, Centesimo) o sul mezzo denaro (Haller, Stebler). A Lucerna ad esempio nel XV-XVI sec. esistevano diverse specie di lire, il Pfund Haller e il Pfund Währschaft (1 Pfund Haller = 1⅓ Pfund Währschaft). L'introduzione di monete di taglio più grosso comportò la necessità di integrarle nei sistemi di calcolo esistenti. Il Fiorino, la principale moneta aurea del tardo ME, verso la fine del XV sec. assunse a sua volta la funzione di unità di calcolo (equivalente a due lire nella maggior parte dei cant. conf.).

Riferimenti bibliografici

  • M. Körner, Luzerner Staatsfinanzen 1415-1798, 1981, 44-58
  • M. Amandry (a cura di), Dictionnaire de numismatique, 2001, 332 sg.
Scheda informativa
Variante/i
Libbra