de fr it

Testone

I testoni erano monete argentee grandi e spesse (in ted. dick, da cui la denominazione ted. Dicken) emesse dal XV sec. seguendo modelli it. (Coniazione di monete). Venezia (1472) e Milano (1474) furono le prime autorità monetarie a coniare lire d'argento. Il testone prese il suo nome da testa, in riferimento all'effigie del duca di Milano. Già nel 1482 Berna fece battere un'imitazione del testone, che denominò Dicken, sostituendo l'immagine del sovrano con quella del patrono cittadino. La maggior parte dei cant. conf. seguì il suo esempio ancora prima del 1500. Del valore di un terzo di fiorino, più raramente di un quarto, il testone acquisì importanza su scala europea. Nel XVII sec. alcuni cant. conf. coniarono testoni da un terzo di tallero (risp. da 24 Kreuzer) e mezzi testoni da 12 Kreuzer; fino al 1753 Zurigo emise un "nuovo testone" da un quarto di fiorino.

Riferimenti bibliografici

  • H.-U. Geiger, Der Beginn der Gold- und Dickmünzenprägung in Bern, 1968