de fr it

Alfred deMeuron

2.6.1857 Corseaux-sur-Vevey, 25.12.1928 Les Eaux-Vives (oggi com. Ginevra), rif., di Orbe, Saint-Sulpice (NE) e Ginevra. Figlio di Georges, proprietario terriero e imprenditore agricolo, e di Jeanne Louise de Charrière. Fratello di Aloïs (->) e di Edouard (->). Henriette, figlia di Eugène Renevier. Dopo il liceo scientifico, frequentò la facoltà tecnica dell'Acc. di Losanna, ma dovette interrompere gli studi per ragioni di salute. Nel 1879 divenne socio di Jean Lamon, fabbricante di piccoli apparecchi elettrici. Dopo lo scioglimento della soc., rimase attivo in questo settore in rapida evoluzione: nel 1882 fondò la Société De Meuron et Cuénod e assunse René Thury, pioniere in questo campo. Dopo aver sviluppato il settore elettromeccanico ginevrino, nel 1886 lasciò l'impresa, ma continuò a prestare il proprio aiuto per realizzazioni puntuali (centrale di illuminazione di Ginevra, 1887; ferrovia elettrica del Salève, 1890-93). Si dedicò quindi all'evangelizzazione popolare e nel 1908 fondò l'Ente sociale (consulenze giur. gratuite). Fece parte del Gran Consiglio ginevrino (1895-1910). Fu membro della Croce Blu e amministratore della Cooperativa sviz. di consumo di Ginevra.

Riferimenti bibliografici

  • S. Paquier, Histoire de l'électricité en Suisse, 1998, 447 sg., 556, 608-610
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF