de fr it

FrancescoBonardi

30.1.1767 Villanova (Piemonte), 8.3.1834 Roveredo (GR), catt., di Casale Monferrato (Piemonte). Figlio di Domenico e di Caterina Demichelis. Sacerdote, dopo la Rivoluzione franc. fu attivo tra i giacobini piemontesi; in seguito si avvicinò a Filippo Buonarroti e alla soc. segreta dei Federati. Implicato nei moti piemontesi del marzo 1821, riparò dapprima nel cant. Ticino e poi, dalla fine del 1822, a Roveredo, dove risiedette fino alla morte. Mantenne contatti con l'emigrazione politica ed ebbe rapporti con le stamperie risorgimentali Ruggia di Lugano, Elvetica di Capolago e Patria di Bellinzona.

Riferimenti bibliografici

  • A. Bersano, L'abate F. Bonardi e i suoi tempi, 1957
  • G. Martinola, Gli esuli italiani nel Ticino, 1, 1980, 66-70
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 30.1.1767 ✝︎ 8.3.1834

Suggerimento di citazione

Agliati, Carlo: "Bonardi, Francesco", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 24.05.2004. Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/013876/2004-05-24/, consultato il 20.09.2020.