de fr it

CasseRaiffeisen

La prima cassa Raiffeisen della Svizzera venne aperta nel 1899 a Bichelsee, su iniziativa del parroco Johann Evangelist Traber, ispirato dal modello delle cooperative creditizie fondate in Germania a metà del XIX sec. da Friedrich Wilhelm Raiffeisen (1818-1888). Lo scopo delle cooperative era rafforzare il tessuto economico delle comunità rurali attraverso il mutuo soccorso e la protezione dall'usura. Nel 1902 dieci ist. si unirono nell'Unione sviz. Raiffeisen. Dal 1936 l'unione, denominata all'inizio del XXI sec. Raiffeisen Svizzera, ha la propria sede a San Gallo. Ogni banca Raiffeisen è giuridicamente autonoma e appartiene ai soci della cooperativa, i cosiddetti membri. Con l'obbligo di un versamento suppletivo limitato i membri sono garanti degli impegni della loro banca, ma in compenso godono dei dividendi della quota sociale e di altri vantaggi, tra cui un tasso di interesse superiore. Le singole banche Raiffeisen sono tenute a investire le eccedenze presso la banca centrale del gruppo, alla quale competono in modo esclusivo le operazioni di rifinanziamento. In base alla legge sulle banche, l'unione funge da ufficio di revisione; in quanto tale gestisce l'ispettorato centrale per le casse Raiffeisen e le sostiene nell'ambito dell'economia aziendale (direzione, marketing, informatica, personale, diritto). Allo scopo di mantenere la propria capacità concorrenziale, nel decennio 1980-90 la gamma dei servizi - fino ad allora relativamente ristretta - venne ampliata, mantenendo tuttavia al centro le attività tradizionali. All'inizio del XXI sec. la rete delle filiali appartenenti al gruppo bancario era tra le più fitte della Svizzera (2009: 367 banche Raiffeisen e 1151 filiali); le sedi erano prevalentemente ubicate nelle agglomerazioni rurali e semiurbane. Con depositi della clientela superiori ai 100 miliardi di frs. e, complessivamente, 1,5 milioni di membri e 3,2 milioni di clienti, nel 2009 la Raiffeisen era il terzo gruppo bancario sul mercato sviz.

Riferimenti bibliografici

  • S. Obrecht, Raiffeisen, 2000