de fr it

HansBircher

ca. 1480 Lucerna, fra il 1552 e il 1557 Lucerna, catt., di Lucerna. Forse fratello di Ulrich, fonditore di campane. 1) (1520) Margret Widmer; 2) (1550) Barbara Usteri, di Zugo; 3) (1551) Margret Sezstab, di Zurigo. Fu membro del Gran Consiglio (1520-25) e del Piccolo Consiglio (forse 1525-52) di Lucerna, avvocato, membro del tribunale dei Nove, scoltetto (1549, 1551), preposto alle costruzioni (1529-36), balivo a Malters-Littau (1525-27), Willisau (1531-33, 1537-39), Merenschwand (dal 1531, dal 1541) e Rothenburg (1547-49). Inviato alla Dieta dal 1535, fu arbitro in occasione dei litigi turgoviesi a nome dei Conf., che rappresentò presso il re franc. nel 1552. Capitano, poi colonnello, partecipò a diverse campagne militari in Svizzera e in Francia, Paese che gli concedette ricche pensioni. Operò nella finanza e nel commercio del burro. Con Elisabeth Kiel, moglie dello scoltetto Lux Ritter, è all'origine della serie di dipinti triangolari sulle capriate dei ponti in legno di Lucerna.

Riferimenti bibliografici

  • T. von Liebenau, «H. Bircher», in ASA, 4, 1902/03, 53-63
  • K. Messmer, P. Hoppe, Luzerner Patriziat, 1976