de fr it

JostHoldermeyer

24.6.1599, catt., di Lucerna. 1) Dorothea Sonnenberg; 2) Magdalena Tamman; 3) Barbara Stocker. Fu membro del Grande (dal 1565) e del Piccolo Consiglio (1569-99) di Lucerna, scoltetto (1599), tesoriere (1576-99), balivo di Habsburg (1567-69) e dell'Entlebuch (1571-73), amministratore di S. Jodoco (1570) e consigliere del vescovo di Basilea (1594). Titolare di rendite. Proprietario di diverse tenute agricole, frutteti, vigne e due case, quale imprenditore fece costruire segherie in due delle sue fattorie (1567 e 1594), garantite da un monopolio concesso dalle autorità. Acquisì inoltre nel 1587 con Jost Krepsinger la forgia pubblica di Lucerna per 1000 fiorini. Fu tra i primi a sostenere l'insediamento dei gesuiti (collegio) a Lucerna. Fu membro della corporazione dello Zafferano.

Riferimenti bibliografici

  • K. Messmer, P. Hoppe, Luzerner Patriziat, 1976