de fr it

Walter RudolfHess

17.3.1881 Frauenfeld, 12.8.1973 Ascona, senza confessione, di Zugo e Zurigo, cittadino onorario di Ascona. Figlio di Clemens Hess, docente di fisica e meteorologo, e di Gertrud nata Fischer. (1908) Louise Sandmeier, assistente medica. Studiò medicina, conseguendo il dottorato a Zurigo (1906). Si formò come oculista con Otto Haab e lavorò tre anni in uno studio medico a Rapperswil (SG), per poi dedicarsi alla ricerca in campo fisiologico. Divenne assistente di Justus Gaule all'istituto di fisiologia dell'Università di Zurigo (1912) e in seguito compì soggiorni di studio in Germania e, dopo la guerra, in Inghilterra. Libero docente dal 1913, il Consiglio di Stato zurighese lo nominò nel 1917 successore di Gaule alla cattedra di fisiologia. Si ritirò in pensione nel 1951.

Ritratto del premio Nobel Walter Rudolf Hess. Cinegiornale svizzero, edizione n. 405 del 4.11.1949, versione sottotitolata a posteriori (Archivio federale svizzero, J2.143#1996/386#405-1#2*) © Cinémathèque suisse, Losanna e Archivio federale svizzero, Berna.
Ritratto del premio Nobel Walter Rudolf HessCinegiornale svizzero, edizione n. 405 del 4.11.1949, versione sottotitolata a posteriori (Archivio federale svizzero, J2.143#1996/386#405-1#2*) © Cinémathèque suisse, Losanna e Archivio federale svizzero, Berna. […]

Nelle sue ricerche Walter Rudolf Hess si concentrò dapprima sulla regolazione della circolazione sanguigna e della respirazione attraverso il sistema neurovegetativo; per questi lavori ottenne il premio Marcel Benoist (1931). Secondo Hess l'organismo era un tutto indivisibile le cui singole funzioni, per esempio la circolazione, agivano non in forma autonoma bensì guidate da un unico sistema regolatore. Localizzò questo centro di regolazione superiore nel tronco cerebrale e per studiarlo sviluppò un proprio metodo (1932): la stimolazione puntiforme o la messa fuori circuito di minuscoli gruppi di cellule per mezzo di finissimi elettrodi. Nel diencefalo del gatto trovò e registrò i centri che, attraverso le vie neurovegetative, riuniscono le funzioni dei singoli organi, determinando i comportamenti dell'intero organismo. Scoprì due sistemi contrapposti: quello ergotropico, che consente all'animale o all'essere umano di controllare il suo ambiente, e quello trofotropico, grazie al quale l'organismo si riprende, si nutre e si rinnova. Nel 1949 gli fu conferito il premio Nobel in fisiologia o medicina per «la sua scoperta dell'organizzazione funzionale del diencefalo quale coordinatore delle attività degli organi interni». Le Università di Berna e Ginevra gli conferirono il dottorato honoris causa rispettivamente nel 1934 e 1944.

Riferimenti bibliografici

  • Hess, Walter R.: Die funktionelle Organisation des vegetativen Nervensystems, 1948.
  • Nobel Lectures Physiology or Medicine. Including Presentation Speeches and Laureats' Biographies 1901-1970, vol. 1, 1964, pp. 244-258.
  • Waser, Peter G.: «Walter Rudolf Hess», in: Gesnerus. Vierteljahrsschrift für Geschichte der Medizin und der Naturwissenschaften, 39, 1982/2, pp. 279-286.
  • Stuber, Martin; Kraut, Sabine; Boschung, Urs: Le prix Marcel Benoist de 1920 à 1995. L’histoire du prix scientifique de la Confédération suisse, 1995.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 17.3.1881 ✝︎ 12.8.1973

Suggerimento di citazione

M.F. Koelbing, Huldrych: "Hess, Walter Rudolf", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 19.01.2021(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/014404/2021-01-19/, consultato il 26.09.2021.