de fr it

WalterMorgenthaler

15.4.1882 Ursenbach, 1.4.1965 Berna, rif., di Ursenbach. Figlio di Niklaus Christian (->). Fratello di Ernst (->) e di Otto (->). (1913) Lenko Albert, vedova Singeisen. Dopo le scuole a Kleindietwil e Berna, studiò medicina a Berna, Vienna e Zurigo, dove superò l'esame di Stato nel 1908. In seguito si specializzò in psichiatria a Berna, Zurigo e Basilea. Nel 1913 divenne capoclinica della clinica psichiatrica di Münsingen e della clinica psichiatrica univ. di Waldau a Berna. Nel 1918 conseguì l'abilitazione. Direttore della clinica psichiatrica privata di Münchenbuchsee (1920), aprì poi un proprio studio medico a Berna (1925). Si impegnò a favore della formazione del personale di cura delle strutture psichiatriche e fu un pioniere dell'utilizzo del test di Rorschach (interpretazione delle macchie). Scoprì l'artista schizofrenico Adolf Wölfli e allestì il Museo psichiatrico di Berna presso la clinica di Waldau.

Riferimenti bibliografici

  • ASESN, 146, 1966, 225-246
  • E. Knechtle, W. Morgenthaler (1882-1965) als Pionier der Ausbildung des Psychiatrie-Pflegepersonals in der Schweiz, 1992
  • M. Lienert, A. Nydegger, W. Morgenthaler und das bildnerische Schaffen der Geisteskranken, 1994
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 15.4.1882 ✝︎ 1.4.1965

Suggerimento di citazione

Müller, Christian: "Morgenthaler, Walter", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 03.01.2008(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/014559/2008-01-03/, consultato il 30.11.2020.