de fr it

Jaques LouisReverdin

Tavola disegnata e litografata da Jules Culot raffigurante diverse varietà di esperidi, realizzata per illustrare un articolo di Reverdin nel Bulletin de la Société lépidoptérologique de Genève del luglio 1912 (Biblioteca nazionale svizzera).
Tavola disegnata e litografata da Jules Culot raffigurante diverse varietà di esperidi, realizzata per illustrare un articolo di Reverdin nel Bulletin de la Société lépidoptérologique de Genève del luglio 1912 (Biblioteca nazionale svizzera).

28.8.1842 Frontenex (com. Cologny), 9.1.1929 Pregny, rif., di Ginevra. Figlio di Adolphe (->). Fratello di Emile (->) e di Frédéric (->). (1874) Marguerite Alice Baron, figlia di Henri, pittore. Studiò medicina (1862-71), conseguendo il dottorato a Parigi (1870). Fu capochirurgo dell'ospedale da campo sviz. durante l'assedio di Parigi nel 1870-71, poi viaggiò in Italia, Austria, Prussia e Gran Bretagna prima di tornare a Ginevra nel 1872. Fu aggiunto e supplente di Louis Odier all'ospedale cant. (1874-77), dove divenne in seguito capochirurgo (1878-82). Professore di patologia esterna e medicina operatoria della facoltà di medicina dell'Univ. di Ginevra sin dalla sua creazione (1876-1910), fondò con il cugino Auguste (->) la prima clinica chirurgica privata di Ginevra. Scoprì a Parigi il trapianto cutaneo (1869), inventò e mise a punto un ago da sutura detto "di R." (1879) e descrisse il "mixedema operatorio" (1882), un'affezione della tiroide la cui paternità fu oggetto di una controversia con Theodor Kocher. Affetto da sordità, nel 1910 decise di porre fine alla sua attività chirurgica e lasciò la cattedra univ. Si dedicò allora allo studio delle farfalle che proseguì fino alla morte. I lavori di lepidotterologia e le numerose ricerche e pubblicazioni gli valsero una notorietà intern. Donò al Museo di storia naturale di Ginevra tutta la sua collezione di farfalle. Fondò con Jean-Louis Prévost e Constant Picot la Revue médicale de la Suisse romande (1881), di cui fu redattore (1881-1919), e fu cofondatore dell'Ass. dei medici del cant. Ginevra (1892), di cui divenne pres. (1898-1903). Insignito di numerose onorificenze, fra cui il premio Civiale (1871), fu in particolare associato straniero dell'Acc. di medicina e della Soc. di chirurgia di Parigi. Fu inoltre decorato dell'ordine reale di Prussia e del titolo di ufficiale della Legion d'onore.

Riferimenti bibliografici

  • H. Reverdin, J.-L. Reverdin, 1842-1929, 1971
  • Livre du Recteur, 5, 309
  • G. Saudan, «J.-L. Reverdin (1842-1929) et son cousin Auguste (1848-1908) ou quand la clinique chirurgicale précède la physiologie expérimentale», in Revue médicale de la Suisse romande, 113, 1993, 567-581
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 28.8.1842 ✝︎ 9.1.1929