de fr it

MarcelRegamey

19.8.1905 Losanna, 23.6.1982 Epalinges, rif., di Losanna e Savigny. Figlio di Paul Emile, macellaio, poi direttore della macelleria Bell a Losanna, e di Alice Grasset. Celibe. Conseguì il dottorato in diritto presso l'Univ. di Losanna nel 1929 e il brevetto di avvocato nel 1932. Fu fondatore del movimento Ordine e tradizione (1919), poi Lega vodese (1933), che presiedette fino al 1977. Redattore del suo organo La Nation dal 1931, sostenne allora posizioni antisemite (gli ebrei, equiparati a degli stranieri, dovevano essere esclusi dalle funzioni pubbliche) e corporativiste. Fautore di una concezione autoritaria dello Stato, ispirata al pensiero di Charles Maurras, fu pure un difensore del federalismo e della sovranità dei cant. Fu tra i firmatari della Petizione dei 200 (1940). Promosse con Paul Chaudet l'iniziativa popolare per il ritorno alla democrazia diretta accolta in votazione nel 1949. Fu autore di numerosi saggi politici, filosofici e teol. come pure di recensioni musicali e artistiche. Fece parte del consiglio di amministrazione dell'Orchestra da camera di Losanna (1957) e del sinodo della Chiesa rif. vodese (1960) e presiedette l'ordine degli avvocati vodesi (1966-68). Nel 1987 è stata istituita una fondazione che porta il suo nome.

Riferimenti bibliografici

  • P. Muret (a cura di), La plume de M. Regamey: articles de "La Nation" (1931-1982), 1989
  • Fondo presso ACit Losanna
  • W. Hentsch (a cura di), Le chemin de M. Regamey, 1989
  • R. Butikofer, Le refus de la modernité, 1996
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 19.8.1905 ✝︎ 23.6.1982

Suggerimento di citazione

Staremberg Goy, Nicole: "Regamey, Marcel", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 30.10.2009(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/015231/2009-10-30/, consultato il 12.04.2021.