de fr it

Schamserberg

Versante sinistro, poco boschivo, dello Schams (rom.: Muntogna da Schons). Fino al tardo ME vi esisteva una comunità di contadini liberi, i cosiddetti Liberi sullo S., che vivevano nelle vicinanze sulla montagna; alcuni di loro abitavano nel fondovalle senza perdere i loro privilegi. Nel 1204 gli homines liberos de Saxammo concessero in affitto, quali comproprietari, l'alpe di Niemet. Nella pace del 1428 tra Chiavenna e la comunità di valle di Schams, la comunità dello S., rappresentata dall'Ammann, appose il proprio sigillo. La bassa giustizia era probabilmente amministrata dagli stessi Liberi sullo S. La comunità deliberava sullo sfruttamento di boschi, pascoli e alpi; l'assemblea si teneva nella località di Pathein presso Mathon. L'alta giustizia competeva ai detentori del potere comitale nello Schams. I diritti particolari dei Liberi sullo S. riguardanti la proprietà terriera e le persone non sono del tutto chiari. La lagnanza dei conti von Werdenberg-Sargans del 1434, motivata dal rifiuto di versare i tributi al balivo, era rivolta anche contro i Liberi sullo S. Dopo la faida dello Schams (1451-52) e il riscatto della valle dal signore territoriale (1458), i Liberi sullo S. furono integrati nel com. giurisdizionale dello Schams.

Riferimenti bibliografici

  • B. Mani, Heimatbuch Schams, 1958, 70-104
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND