de fr it

Giovanni AngeloFranzoni

ca. 1550, 26.1.1640, cattolico, di Cevio. Figlio di Giovanni. ∞1) Caterina nata Franzoni, figlia di Galeazzo (->); 2) una Apollonia, di Maggia. Si formò quale notaio, ma esercitò la professione solo negli ultimi anni della sua vita. Fu console di Cevio per lunghi anni e capitano generale delle milizie di Vallemaggia dal 1585, deputato degli Svizzeri per le chiese e gli affari religiosi della valle e cancelliere (landscriba) del baliaggio (1577-1613). Nel 1635 fece costruire la cappella di S. Francesco nella chiesa parrocchiale di Cevio, disponendo la celebrazione in perpetuo di quattro messe settimanali. Proprietario di molti alpi in valle e di una segheria a Moscia (com. Ascona), fu tra i primi a introdurre nel baliaggio il commercio del legname utilizzando per il trasporto la tecnica della fluitazione.

Personaggio assai controverso, venne più volte accusato dai sudditi di tirannide, di malversazioni negli affari giudiziari e di arricchimenti illeciti ottenuti attraverso l'imposizione di continue multe e nuove tasse. La Dieta si interessò alla questione a partire dal 1596; dopo un'inchiesta degli inviati dei cantoni sovrani, F. venne assolto ma ammonito. L'intervento non sembrò tuttavia sedare il conflitto tra Valmaggesi e cancelliere: infatti le lamentele ripresero già l'anno successivo alla sentenza. Un nuovo inviato della Dieta fu incaricato di verificare le accuse e di valutare se sospendere F. dalle sue funzioni; anche in questa circostanza, e a più riprese negli anni successivi, il cancelliere venne richiamato al suo dovere. Nel 1613 un ennesimo esposto contro di lui convinse la Dieta a sospenderlo e a sostituirlo; F. si difese strenuamente, riuscendo a ottenere di essere ascoltato dai cantoni. Nel frattempo però il successore era già entrato in funzione ed egli non poté più riottenere la carica.

Riferimenti bibliografici

  • EA, 5 I B, 1613 sg.
  • F. Filippini, «Genealogia dei Franzoni dal 1400 al 1945», in RST, 1945, 1030-1032, 1054-1056 e 1076-1078
  • M. Signorelli, Storia della Valmaggia, 1972
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ ca. 1550 ✝︎ 26.1.1640