de fr it

Territoire deBelfort

Dip. della Francia orientale la cui parte meridionale confina con il cant. Giura. Situato nella depressione denominata Porta di Borgogna (o Trouée de B.), corridoio che unisce l'Alsazia alla Franca Contea e alla Borgogna, si estende a nord fra la catena dei Vosgi e a sud fra i pianori addossati alla catena del Giura tabulare e all'Ajoie. Pop: 56'781 ab. nel 1872, 92'304 nel 1901, 99'427 nel 1954, 134'097 nel 1990. La regione faceva parte durante l'ancien régime della provincia alsaziana; dalla Rivoluzione franc. al 1871 fu inglobata nel Dip. Haut-Rhin. Sola parte dell'Alsazia a rimanere franc. dopo l'invasione ted., B. (composto da 106 com., scesi attualmente a 101) ricevette lo statuto di dip. nel 1922. Durante l'occupazione ted. dell'Alsazia-Lorena (1871-1914), l'insediamento di industrie alsaziane e il potenziamento delle vie di comunicazione diedero un forte impulso allo sviluppo economico della città e della regione di B.; in quel periodo si rafforzarono anche i legami con la Svizzera (soprattutto con il Giura), grazie alla costruzione della linea ferroviaria B.-Porrentruy, divenuta un nodo ferroviario intern. Il settore industriale (Japy, Peugeot, Burrus), che forniva lavoro a numerosi frontalieri, contribuì notevolmente all'intensificazione delle relazioni con la Svizzera. La Societé jurassienne d'émulation e quella di B. animavano gli scambi culturali. Nonostante la stagnazione economica nel periodo fra le due guerre sorsero nuovi stabilimenti industriali nei settori meccanico e tessile; nel secondo dopoguerra la regione si inserì sempre più nell'agglomerato di Sochaux-Montbéliard, che gravitava attorno alla casa automobilistica Peugeot. Aziende quali Alsthom hanno infine ricoperto un ruolo di stimolo nello sviluppo di strutture preposte all'insegnamento superiore, spec. in campo tecnologico (Univ. di Sévenans). Alla fine del XX sec. i rapporti con la Svizzera continuano ad essere importanti spec. per quanto riguarda il mercato del lavoro (frontalieri), la formazione (accordi in ambiti tecnici) e la vita culturale.

Riferimenti bibliografici

  • G. Wackermann, Belfort, Colmar, Mulhouse, Bâle, Fribourg-en-Brisgau: un espace économique transfrontalier, 1986, 91-98
  • F. Fiétier, M. Colney, Les paroisses du Territoire de Belfort, 1993
  • J.-P. Kintz, Haut-Rhin; Territoire de Belfort, 1994
Link
Controllo di autorità
GND