de fr it

Andreas vonBeroldingen

ca. 1440, 10.3.1510, di Uri, ad Altdorf (UR). Figlio di Niklaus, balivo, e di Margaretha von Mentlen. 1) Elisabeth, figlia di Johannes Fries; 2) Barbara Zurenseller, di Schattdorf. B., analfabeta per sua stessa ammissione, possedeva beni ad Altdorf, Schattdorf, Erstfeld e la vasta proprietà di fam. a Seelisberg. Fece donazioni a numerose chiese del paese. Fu a capo degli Urani nelle guerre di Borgogna e nel 1477 si distinse quale portavoce dei partecipanti alla spedizione della Folle vita presso le autorità bernesi. In quello stesso anno venne eletto dagli Urani Landamano, carica che rivestì negli anni 1477-79, 1487-90, 1496-99 e 1505-07. Fu delegato di Uri alla Dieta dal 1478 al 1508. I suoi interessi si concentravano principalmente sulla politica transalpina, elemento portante della sua attività pubblica. Uri deve a B. l'acquisizione definitiva del baliaggio della Leventina, di cui egli fu balivo dal 1481 al 1483, dopo il suo primo mandato di Landamano. Grazie al suo impegno in seno alla Dieta e alle campagne militari i cant. primitivi acquisirono il dominio anche su Blenio, sulla Riviera e su Bellinzona. Nel 1509 B. si schierò con Matthäus Schiner e contribuì alla realizzazione dell'alleanza tra papa Giulio II e la Conf. Nel 1510 il papa, in segno di gratitudine, gli inviò una lettera personale di elogio e probabilmente gli conferì anche l'ordine di S. Silvestro.

Riferimenti bibliografici

  • E. Bizozzero, A. von Beroldingen, 1935