de fr it

Jacques d'Estavayer-Molondin

Jacques deStavay-Molondin

Olio su tela realizzato da un artista sconosciuto, 1635 (Musée d'histoire La Chaux-de-Fonds).
Olio su tela realizzato da un artista sconosciuto, 1635 (Musée d'histoire La Chaux-de-Fonds).

10.3.1601 Soletta, 24.4.1664 Cressier (NE), catt., di E. e di Soletta. Noto con il nome di Stavay-Molondin. Figlio di Philippe, signore di Molondin, Montet (Broye), Aumont e Lully (FR), e di Elisabeth Vallier. Fratello di Laurent (->) e di Urs (->). (1627) Marie Vigier de l'Escanal, figlia di Jean, segr.-interprete del re di Francia in Svizzera. Signore di Molondin. Membro del Gran Consiglio di Soletta dal 1642 e del Piccolo Consiglio dal 1649 (Nuovo Consiglio nel 1649, Vecchio Consiglio nel 1652), E. compì una carriera diplomatica e militare al servizio della Francia. Dapprima amministratore del tesoro di guerra franc. in Valtellina (1624), in seguito ricoprì la carica di segr.-interprete dell'ambasciata di Francia a Soletta (1624-48), compiendo missioni nel Vallese e nei cant. catt. fra il 1625 e il 1627. Assoldò compagnie nel 1630 e nel 1635, anno in cui divenne colonnello del suo reggimento (Molondin); dieci anni dopo cedette lo stesso reggimento al fratello Laurent e mantenne solo la sua compagnia di Guardie sviz., arruolata nel 1639. Prese parte a campagne in Germania (1635), Piccardia (1636), Lorena (1637, a Rocroi nel 1643), Fiandra (1638 e 1644), nel Delfinato (1639), nell'Artois (1640 e 1641) e nel Rossiglione (1642). Maresciallo di campo nel 1645, fu il primo Svizzero ad occupare questa carica. Al servizio del principe di Neuchâtel, E. venne nominato nel 1628 castellano di Le Landeron e Consigliere di Stato. Nel 1643 Enrico II di Orléans-Longueville gli conferì la carica di capitano e luogotenente ordinario della contea di Valangin, nel 1645 quella di governatore del principato di Neuchâtel, che ricoprì fino alla morte. Iniziatore della trasformazione della parrocchia di La Chaux-de-Fonds in giurisdizione (mairie), compiuta nel 1656, divenne cittadino onorario del com. nel 1659.

Riferimenti bibliografici

  • La Chaux-de-Fonds, son passé et son présent, 1894, 83-90
  • P. de Pury, «J. d'Estavayer seigneur de Mollondin [sic], gouverneur de Neuchâtel», in MN, 1930, 194-215; 1931, 23-34
  • SolGesch., 2, 265 sg., 272
  • AA. VV., Histoire du Conseil d'Etat neuchâtelois, 1987, 16 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF