de fr it

Isabelle deGélieu

Ritratto. Olio su tela realizzato da un artista sconosciuto, 1815 ca. (Collezione privata) © Fotografia Bibliothèque publique et universitaire de Neuchâtel.
Ritratto. Olio su tela realizzato da un artista sconosciuto, 1815 ca. (Collezione privata) © Fotografia Bibliothèque publique et universitaire de Neuchâtel.

9.7.1779 Lignières, 18.10.1834 Corgémont, rif., di Saint-Aubin (oggi com. Saint-Aubin-Sauges) e Neuchâtel. Figlia di Jonas (->). Abiatica di Théophile Rémy Frêne. (1801) Charles-Ferdinand Morel. Per tre anni (1792-95) visse in un pensionato a Basilea. Durante l'adolescenza, trascorsa a Colombier (NE), fece amicizia con Isabelle de Charrière, con la quale tradusse Nature and Art di Elizabeth Inchbald (1797); la de Charrière la incoraggiò inoltre a scrivere il romanzo Louise et Albert (1803; nuova edizione commentata nel 1999). Dopo il matrimonio pubblicò testi tradotti dal ted.: accanto a pagine di Johann Heinrich Pestalozzi, di Heinrich Zschokke e di Johann Conrad Appenzeller, diede alle stampe un'antologia di testi di Friedrich Schiller (Choix de pièces fugitives, 1825). Il suo diario è invece rimasto inedito.

Riferimenti bibliografici

  • D. Berthoud, «Mme de Charrière et I. de Gélieu», in Actes SJE, 1971, 51-101
  • D. Berthoud, «Le journal d'I. de Gélieu», in Actes SJE, 1973, 9-50
  • D. Maggetti, «La correspondance d'Isabelle de Charrière et d'I. de Gélieu», in Une Européenne, 1994, 255-269
  • Biogr.NE, 2, 123-131
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 9.7.1779 ✝︎ 18.10.1834