de fr it

Bischofstein

Rovine di una fortezza nel canton Basilea-Campagna, sul confine tra Sissach e Böckten, sulla cresta del Chienberg. Dal 1891 diverse campagne di scavo hanno portato alla luce numerosi reperti preistorici del Neolitico e della cultura di Hallstatt, un insediamento fortificato del Bronzo finale e due siti medievali: la rovina di Itkon (Hintere Bischofstein, prima metà del XII secolo) e la fortezza di Bischofstein, per la costruzione della quale furono probabilmente utilizzati materiali del precedente complesso. Gli scavi di Bischofstein (1937-1938) consentirono di disseppellire un muro di cinta con due porte, un massiccio battifredo centrale a pianta circolare, a ovest la residenza del castellano a pianta rettangolare, a sud le stalle e un edificio con una grande sala, e due cisterne. Il nome della fortezza, costruita attorno al 1250 dai signori von Eptingen, deriva da quello del signore spirituale del territorio, il vescovo (Bischof) di Basilea, la cui sovranità territoriale è attestata dall'inizio del XIV secolo. Nel 1356 la fortezza venne distrutta da un terremoto. I membri del casato von Eptingen che la possedevano assunsero il suo nome. La fortezza si trovava al centro di una signoria bannale che comprendeva le terre dissodate nella regione del Chienberg. Nel XV secolo i beni dei signori di Bischofstein vennero venduti a più riprese, finché furono divisi tra i comuni della zona. Nel 1570 i diritti di signoria passarono alla città di Basilea.

Riferimenti bibliografici

  • Müller, Felix; Meyer, Werner: Der Bischofstein bei Sissach, Kanton Baselland. Die hochmittelalterlichen Funde, 1980 (Basler Beiträge zur Ur- und Frühgeschichte, 4).
Completato dalla redazione
  • Heyer, Hans-Rudolf: Der Bezirk Sissach, 1986, pp. 19-23 (Die Kunstdenkmäler des Kantons Basel-Landschaft, 3).
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Dorothea A. Christ: "Bischofstein", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 02.12.2021(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/016130/2021-12-02/, consultato il 09.08.2022.