de fr it

RomainRolland

Nel dicembre del 1931 a Villeneuve (VD), mentre conversa con il Mahatma Gandhi; fotografia di Rodolphe Schlemmer (Musée de l'Elysée, Losanna) © tutti i diritti riservati.
Nel dicembre del 1931 a Villeneuve (VD), mentre conversa con il Mahatma Gandhi; fotografia di Rodolphe Schlemmer (Musée de l'Elysée, Losanna) © tutti i diritti riservati. […]

29.1.1866 Clamecy (Borgogna), 30.12.1944 Vézelay, cittadino franc. Marie Koudachev. Scrittore e intellettuale impegnato, dal 1882 al 1914 soggiornò più volte in Svizzera, dove frequentò scrittori quali Philippe Monnier, René Morax e Charles Ferdinand Ramuz e dove fu responsabile della cronaca parigina per la rivista Bibliothèque universelle (1912-13). Allo scoppio della prima guerra mondiale R. si trovava a Ginevra, dove decise di rimanere (1914-19) e di lottare, attraverso la scrittura, contro l'assurdità del "massacro europeo". Fu autore di Al di sopra della mischia (1915, raccolta di articoli apparsi in un primo tempo nel Journal de Genève) e di Ai popoli assassinati (1917). Sostenne l'impegno dei Cahiers vaudois, che pubblicarono due numeri di protesta (Louvain… Reims, 1914-15). Grazie al suo nome e al suo operato riunì attorno a sé numerose personalità, tra cui Pierre Jean Jouve, Edmond Privat, Edmond Bille e Pierre Cérésole, e collaborò con riviste pacifiste. Dal 1922 al 1938 visse a Villeneuve (VD), luogo d'incontro internazionalista per i partigiani della non violenza, ispirati al ruolo e al pensiero del Mahatma Gandhi. A causa del suo strenuo antifascismo e della sua simpatia per l'URSS o per certi aspetti del comunismo fu oggetto di violente critiche. Nel 1915 venne insignito del premio Nobel per la letteratura.

Riferimenti bibliografici

  • Etudes de Lettres, 1966, n. 4; 1976, n. 2
  • Francillon, Littérature, 2, 283-286
  • M. Klepsch, R. Rolland im Ersten Weltkrieg, 2000
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 29.1.1866 ✝︎ 30.12.1944