de fr it

Unione padronale svizzera

Nota anche come Unione sviz. degli imprenditori, è l'org. mantello delle ass. padronali; fino al 1996 era chiamata Unione centrale delle ass. imprenditoriali sviz. Poiché a cavallo tra il XIX e il XX sec. le controversie con i lavoratori si fecero più complesse e sempre più spesso sfociavano in Scioperi, le Organizzazioni padronali iniziarono a dotarsi di strutture per la composizione di conflitti di lavoro collettivi. L'esempio fu fornito dalla Società svizzera degli impresari-costruttori, che con la riorganizzazione del 1905 diede ampio spazio a tali questioni. Nel quadro dell'industria di esportazione nacquero invece org. apposite. Quale pioniere, nel 1905 l'Ass. sviz. dei costruttori di macchine (VSM) affidò la cura delle relazioni industriali alla neocostituita Ass. padronale sviz. dell'industria metalmeccanica (ASM), i cui membri erano in larga parte gli stessi. Nel 1906 fu istituita la Federazione sviz. dei datori di lavoro che, dallo stesso anno, pubblicò la Schweizerische Arbeitgeber-Zeitung. All'inizio del 1908 otto tra org. padronali e org. settoriali fortemente attive nella difesa degli interessi dei datori di lavoro si associarono nell'Unione centrale delle ass. imprenditoriali sviz., a cui aderirono altre cinque ass. prima della fine dell'anno. La Federazione sviz. dei datori di lavoro, che figurava tra le org. fondatrici, non prosperò e perciò nel 1912 cedette il suo giornale all'Unione, che nel contempo trasformò la Federazione in un collettore per le ditte non iscritte alle ass. di categoria. I contatti diretti con i salariati e i Sindacati - in un primo tempo spec. per la risoluzione di conflitti, successivamente anche per la firma di Contratti collettivi di lavoro - erano mantenuti dalle ass. di categoria affiliate, che si dotarono di strumenti adeguati (liste nere, assicurazioni contro gli scioperi ecc., poi istituzioni per le relazioni tra i Partner sociali). L'Unione si occupò per contro delle condizioni quadro, vale a dire del Diritto del lavoro, delle condizioni di lavoro generali, della Politica sociale a livello statale e aziendale, del Mercato del lavoro, delle questioni legate alla formazione, delle relazioni pubbliche e dei rapporti con l'Organizzazione internazionale del lavoro e le org. padronali intern.

Le relazioni con le org. mantello degli imprenditori già esistenti furono oggetto di accordi con l'Unione svizzera delle arti e mestieri (1910) e l'Unione svizzera del commercio e dell'industria (USCI, 1922); entrambe si riservarono però la facoltà di prendere autonomamente posizione su questioni relative al lavoro dipendente. La diversa composizione di queste ass. comportò ripetute divergenze. Nel 1998 ad esempio l'Unione sviz. degli imprenditori si trasferì con l'USCI e la Società per il promovimento dell'economia svizzera nella comune "Casa dell'economia" a Zurigo, ma nel 2000 non prese parte alla fusione che portò all'istituzione di economiesuisse, benché alcune delle sue ass. di categoria si fossero già mosse in questa direzione (come la VSM e l'ASM che nel 1999 diedero vita a Swissmem). Nel 2010 l'Unione comprendeva 35 ass. di categoria, 27 federazioni regionali e due membri individuali.

Presidenza e direzione dell'Unione patronale svizzera

PresidenteAnniDirettoreAnni
Gustave Naville1908-1921Otto Steinmann1908-1947
Ulrico Vollenweider1921-1925a-b1947-1954
Leo Bodmer1926-1947cLeonhard Derron1954-1969
Albert Dubois1948-1967Heinz Allenspach1970-1993
James Emil Haefely1968-1974Peter Hasler1993-2006
Fritz Halm1975-1984Thomas Daum2006-2013
Hans Letsch1985-1989Roland A. Müller2013-
Guido Richterich1990-1997  
Fritz Blaser1997-2002  
Rudolf Stämpfli2003-2011  
Valentin Vogt2011-  

a In assenza di un presidente, dal 1921 Vollenweider guidò l'Unione in veste di vicepresidente.

b La carica di direttore era vacante; Leonhard Derron e Charles Kuntschen ricoprivano quella di segretari.

c Durante l'assenza di Bodmer (1930/31) l'Unione fu guidata dal vicepresidente Charles Tzaut.

Presidenza e direzione dell'Unione patronale svizzera -  Unione svizzera degli imprenditori; indicazioni di Bernard Degen

Riferimenti bibliografici

  • Schweizerische Arbeitgeber-Zeitung, 1906- (dal 1994 Imprenditore svizzero)
Scheda informativa
Contesto Unione centrale delle associazioni imprenditoriali svizzere, Unione svizzera degli imprenditori

Suggerimento di citazione

Degen, Bernard: "Unione padronale svizzera", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 24.03.2016(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/016468/2016-03-24/, consultato il 14.01.2021.