de fr it

Sindacato dell'industria, della costruzione e dei servizi (FLMO)

Festa del centenario della FLMO al Kursaal di Berna, novembre 1988 © KEYSTONE.
Festa del centenario della FLMO al Kursaal di Berna, novembre 1988 © KEYSTONE.

Le prime org. locali di operai metallurgici e orologieri furono fondate già negli anni 1830-40, una base stabile di affiliati si formò però solo dopo il 1870. La costituzione della Federazione sviz. dei lavoratori metallurgici (FLM) risale al 1888. Fortemente indebitata in seguito a uno sciopero, l'org. mantello degli orologiai, la Federazione degli operai dell'industria orologiera, nel 1915 si unì alla FLM, dopo due tentativi precedenti infruttuosi, per dare vita alla Federazione sviz. dei lavoratori metallurgici e orologiai (FLMO).

Durante la prima guerra mondiale il numero degli iscritti alla FLMO conobbe una forte impennata, ma già negli anni 1920-30 si dimezzò a causa della crisi postbellica e della delusione per i risultati inferiori alle attese. Dopo il 1920 i pochi accordi collettivi vennero disdetti o non più rinnovati. Gli anni 1920-30 servirono però al consolidamento interno (tra l'altro ampliamento dell'Assicurazione contro la disoccupazione, rinuncia agli Scioperi, esclusione dell'opposizione interna).

Dagli anni 1930-40 agli anni 1970-80, il rafforzamento interno, la centralizzazione e la professionalizzazione della dirigenza (soprattutto sotto Konrad Ilg) favorirono la Pace del lavoro (accordo del 1937) e rafforzarono la posizione negoziale del sindacato nei confronti dei datori di lavoro nel settore dell'orologeria.

Numero degli affiliati alla FLMO 1919-2003

191985 000
192543 000
193061 000
194066 000
1963136 000
1973120 000
1975145 000
1991101 000
1997100 000
200388 000
Numero degli affiliati alla FLMO 1919-2003 -  Karl Schwaar; Unione sindacale svizzera

La spoliticizzazione dei lavoratori durante l'alta congiuntura del secondo dopoguerra e le riserve a lungo manifestate nei confronti della manodopera straniera comportarono problemi di reclutamento dopo il 1965 (tranne durante la crisi del 1974-75), anche perché le adesioni tra i nuovi strati impiegatizi furono limitate. Nel difficile contesto economico degli anni 1990-2000 la FLMO si dotò di nuove strutture e si ampliò incorporando la Federazione dei lavoratori del ramo dell'abbigliamento e del cuoio. Nel 1992 assunse la denominazione di Sindacato dell'industria, della costruzione e dei servizi; l'acronimo FLMO venne mantenuto. In seguito il sindacato riorganizzato, insieme alla Federazione svizzera dei lavoratori del commercio dei trasporti e dell'alimentazione e al Sindacato edilizia e industria (su posizioni più radicali rispetto alla FLMO), ha dato vita al nuovo grande sindacato Unia, attivo dal 2004.

Riferimenti bibliografici

  • Sozarch
  • Unsere Zukunft hat Geschichte, 1998
  • AA. VV., Gewerkschaften und Angestelltenverbände in der schweizerischen Privatwirtschaft, 1991
  • A. Eisinger, Die dynamische Kraft des Fortschritts, 1996
Link
Scheda informativa
Variante/i
FLMO
Contesto Federazione svizzera dei lavoratori metallurgici e orologiai (FLMO), Federazione svizzera degli operai metallurgici e orologiai (FOMO)

Suggerimento di citazione

Schwaar, Karl: "Sindacato dell'industria, della costruzione e dei servizi (FLMO)", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 18.02.2015(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/016488/2015-02-18/, consultato il 19.01.2022.