de fr it

Incendio diUster

Fu il solo episodio significativo di Luddismo noto in Svizzera. Il 22.11.1832, giorno in cui si commemorava l'Ustertag del 1830, una folla adirata distrusse la filanda e tessitura meccanica Corrodi & Pfister a Oberuster. Il contesto in cui si scatenò il tumulto era caratterizzato dalla situazione precaria dei piccoli fabbricanti di panni e dei tessitori a domicilio dell'Oberland zurighese. Malgrado questi ultimi avessero contribuito, con la loro marcia dell'Ustertag, alla caduta del governo conservatore della città di Zurigo, il nuovo Gran Consiglio liberale aveva ignorato la loro richiesta, formulata nel memoriale di Uster, di proibire i telai meccanici. Sembra tuttavia che essi non ebbero un ruolo di primo piano nell'incendio del 1832. Sul luogo di quest'ultimo e nell'Oberland zurighese furono arrestate 75 persone; i principali responsabili furono condannati a numerosi anni di lavori forzati (1833), poi amnistiati dopo la sommossa di Zurigo nel 1839 (Züriputsch). Nel 1835 il Gran Consiglio emanò una legge sulla protezione della proprietà.

Riferimenti bibliografici

  • F. L. Keller, Die gewaltsame Brandstiftung in Uster am 22. November 1832, 1833
  • A. Hauser, «Der Maschinensturm von Uster», in ZTb 1958, 1957, 107-116
  • A. Bauhofer, «Der Brand von Uster und das Gesetz zum Schutze des Eigentums», in ZTb 1965, 1964, 84-96
  • E. Bucher, «Ein sozio-ökonomisches und ein politisches Kapitel aus der Regeneration», in RSS, 32, 1982, 5-124