de fr it

RichardFeller

Fotografia, 1950 ca. (Biblioteca nazionale svizzera).
Fotografia, 1950 ca. (Biblioteca nazionale svizzera).

8.12.1877 Wattenwil, 20.9.1958 Berna, di Köniz. Figlio di Johann Emil, insegnante, e di Rosina Gerber. Klara Gäumann. Dopo il ginnasio a Thun e il liceo a Berna, studiò all'Univ. di Berna, dove fu influenzato dallo storico Gustav Tobler e dallo storico della letteratura Oskar Walzel. Nel 1903 conseguì la patente di insegnante di scuola secondaria e il dottorato; nel 1907 sostenne l'esame per l'insegnamento liceale. Fu insegnante di scuola secondaria (Aarberg, Berna) e all'ist. magistrale. Ottenuta l'abilitazione (1910), fu professore ordinario di storia sviz. all'Univ. di Berna (1921-48), dove si mise gradualmente in luce come studioso fra i più autorevoli del periodo tra le guerre e della guerra. Nella biografia Ritter Melchior Lussy von Unterwalden (1906-09) mostrò la forza del rinnovamento spirituale catt., mentre in ricerche sui rapporti con l'estero (1912, 1916) chiarì la necessità economica del servizio mercenario. Nello studio Der Staat Bern in der Reformation (1929) e nel contributo al secondo volume di Geschichte der Schweiz (1938), sul XVII e XVIII sec., descrisse la Conf. dell'ancien régime. Nella pubblicazione Die Universität Bern, 1834-1934 (1935) presentò una rassegna degli eruditi bernesi, mentre nello studio intitolato Die schweizerische Geschichtsschreibung im 19. Jahrhundert (1938) si dimostrò il miglior conoscitore della storiografia sviz. La sua opera maggiore fu la monumentale Geschichte Berns (1946-60), epopea delle alterne vicende subite dalla più potente delle città-Stato nordalpine. Presentando al lettore lo scorrere della storia politica, ecclesiastica, economica e sociale di Berna, il testo evidenzia costantemente le peculiarità locali ma anche i rapporti con le forze presenti in Europa. Nel cogliere la realtà del passato, la narrazione storica di F. associava razionalità e intuizione; ricercatore attento ma anche artista capace di plasmare la materia in modo originale e con forza evocativa, F. era capace di compendiare più impulsi diversi, con un'abile opera di sintesi, in un unico quadro coerente di vita passata.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso StABE
  • AHVB, 39, 1948, 421-424 (elenco delle op.)
  • P. Stadler, «Zwischen Klassenstaat, Ständestaat und Genossenschaft», in Historische Zeitschrift, 219, 1974, 290-358, spec. 345-348
  • Die Dozenten der bernischen Hochschule, 1984, 141
  • M. Stettler, «Der Chronist R. Feller», in BZGH, 49, 1987, 161-166
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 8.12.1877 ✝︎ 20.9.1958