de fr it

HeinrichTürler

Insieme alla moglie Emma Bertha al tavolo del salotto; fotografia realizzata attorno al 1930 da Carl Jost (Staatsarchiv Bern).
Insieme alla moglie Emma Bertha al tavolo del salotto; fotografia realizzata attorno al 1930 da Carl Jost (Staatsarchiv Bern).

6.7.1861 Bienne, 12.11.1933 Berna, rif., di Erlenbach im Simmental e La Neuveville. Figlio di Jean Henri, fabbricante di orologi, e di Henriette Louise Wilhelmine Teutsch. 1) (1890) Hildegard Franziska Zgraggen, figlia di Anton; 2) (1913) Emma Bertha Hirt, figlia di Johann. Studiò storia e filologia antica, poi diritto alle Univ. di Berna e Monaco di Baviera, ottenendo il brevetto bernese di avvocato nel 1889. Nel 1892 divenne il primo archivista di Stato del cant. Berna. L'ottavo e il nono volume delle Fontes rerum bernensium furono pubblicati sotto la sua direzione e con la sua collaborazione. Conseguita l'abilitazione alla facoltà di lettere (1898), fu libero docente (1901) e professore straordinario (1904) di archivistica (dal 1917 scienze ausiliarie della storia) all'Univ. di Berna. Nel 1914 il Consiglio fed. lo nominò archivista fed. Tenente colonnello, durante la prima guerra mondiale fu gran giudice della divisione 5 e diresse il processo relativo all'affare dei colonnelli, al cui esito contribuì ampiamente grazie al suo fermo senso di giustizia. Membro attivo di numerosi gruppi di lavoro di storici, pubblicò Das Neue Berner Taschenbuch, collaborò alla redazione di diversi progetti storiografici, presiedette la Soc. di storia del cant. Berna e, negli ultimi anni di vita, diresse l'edizione dell' Historisch-Biographisches Lexikon der Schweiz. Complessivamente pubblicò ca. 400 titoli. Dotato di una straordinaria energia, esplorò sempre nuove tematiche della storia del diritto, della chiesa, della cultura e della politica. Nelle sue ricerche personali, caratterizzate da un approccio critico, spaziò con la stessa passione dal ME all'epoca moderna. Nel 1898 l'Univ. di Berna lo insignì del dottorato h.c.

Riferimenti bibliografici

  • E. Bonjour, Die Schweiz und Europa, 3, 1973, 253-255
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 6.7.1861 ✝︎ 12.11.1933