de fr it

LuigiPicchioni

4.9.1784 Carbonara al Ticino (Lombardia), 9.2.1869 Basilea. Patriota it., fu uno dei capi dei moti piemontesi del 1821. Dopo la repressione austriaca si rifugiò nel cant. Ticino, dal quale fu espulso, e poi a Engelberg e a Lucerna. Nel 1825 fu chiamato all'Univ. di Basilea, dove divenne libero docente e successivamente professore straordinario (1836) di letteratura it. Distintosi spec. negli studi danteschi, fu in rapporti di amicizia con Jacob Burckhardt, già allievo di P. in età liceale e poi suo collega univ., che dedicò a P. la seconda edizione di La civiltà del Rinascimento in Italia (1869). Nel 1848 partecipò alle Cinque Giornate di Milano e poi tornò nuovamente a Basilea, dove rimase fino alla morte.

Riferimenti bibliografici

  • L. Mazzucchetti, A. Lohner, L'Italia e la Svizzera: relazioni culturali nel settecento e nell'ottocento, 1943 (ted. 1941), 126 sg.
  • W. Kaegi, «L. Picchioni», in Freundesgabe für Eduard Korrodi zum 60. Geburtstag, a cura di H. Barth et al., 1945, 104-111
  • L. Gossman, Basel in the Age of Burckhardt, 2000
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 4.9.1784 ✝︎ 9.2.1869