de fr it

Cospirazione diMalley

Attorno al 1800 un circolo di oppositori al governo elvetico si riuniva nella proprietà Lemaire a Malley (oggi com. Losanna). Il comitato era composto in maggioranza da rappresentanti dell'aristocrazia vodese: accanto a Ferdinand Isaac de Rovéréa e Louis Georges François Pillichody, vi erano Henri Georges de Mestral, favorevole al ritorno del Paese di Vaud sotto la signoria bernese (partito assoluto), e Georges Hyde de Seigneux, fautore di un cant. indipendente (partito moderato). L'opportunità di passare all'azione si presentò il 18.9.1802, con il governo elvetico rifugiato a Losanna: dopo il suo rovesciamento, i Vodesi sarebbero stati chiamati a decidere il loro futuro. Tuttavia Pillichody non riuscì a occupare Orbe e Rovéréa, responsabile esecutivo, venne arrestato il 30 settembre. L'arrivo del generale Jean Rapp, che portò con sé l'Atto di mediazione, sancì la fine della cospirazione.

Riferimenti bibliografici

  • S. Chaillet Berset, «La conspiration de Malley», in RHV, 1990, 11-47

Suggerimento di citazione

Abetel-Béguelin, Fabienne: "Malley, cospirazione di", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 03.12.2009(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/017221/2009-12-03/, consultato il 06.12.2020.