de fr it

SamuelImer

5.3.1749 Courtelary, 1828 Grenzach (Baden, D), riformato, di La Neuveville. Figlio di David (->). Fratello di David (->) e di Jean-François (->). 1) (1777) Marie-Rose Carrel, figlia di Pierre-David, sindaco di Diesse; 2) (1819) Anne-Barbe Kuntz. Conseguì il dottorato in diritto. Fu membro del Piccolo Consiglio di La Neuveville. Nel 1777 succedette al padre come castellano di La Neuveville. Nel 1783 sostituì il fratello David alla guida della signoria dell'Erguel, di cui fu l'ultimo balivo (fino al 1797). Divenne consigliere aulico nel 1783. I fermenti rivoluzionari che turbavano la valle di Saint-Imier dal 1790 lo spinsero a lasciare Courtelary alla fine del 1792. Si stabilì a Perles nel basso Erguel dove, con rescritto dell'1.12.1792, il principe vescovo Franz Joseph Sigismund von Roggenbach istituì un Consiglio di reggenza di tre membri incaricato di amministrare l'Erguel. Nel dicembre del 1797, durante l'invasione della parte meridionale del vescovado da parte delle truppe francesi, fu posto agli arresti domiciliari. Descrisse questi avvenimenti in una lunga lettera del 1801. Si ritirò a Les Pontins (comune di Saint-Imier), poi a Grenzach, vicino a Basilea. Nel 1814 venne nominato amministratore dell'Erguel, di La Neuveville e della Montagne de Diesse dal barone Konrad Karl Friedrich von Andlau-Birseck, governatore generale del principato di Porrentruy, con il compito di ripristinare il precedente ordinamento politico e giudiziario. Imer si adoperò per la restaurazione del principato vescovile di Basilea, ma, dopo averne constatato l'impossibilità, sostenne la sua annessione al canton Berna. Nel 1816-1817 fu deputato del Gran Consiglio bernese.

Riferimenti bibliografici

  • J. R. Suratteau (a cura di), «Récit inédit des événements de décembre 1797 et mars 1798», in Actes SJE, 1963, 83-100
  • APatr La Neuveville
  • C. Simon, «La République en Erguël (1792-1793)», in Actes SJE, 1906, 1-23
  • C. Simon, «Actes de l'Assemblée nationale d'Erguël (1792-1793)», in Actes SJE, 1906, 25-114
  • M. Jorio, Der Untergang des Fürstbistums Basel, 1983, 249-251
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF