de fr it

FrançoisVerdan

5.9.1747 Cortaillod, 28.11.1818 Delémont, riformato, di Sugiez (oggi comune di Mont-Vully), Neuchâtel (dal 1784) e Bienne (dal 1786). Figlio di Jean-Daniel, fabbricante di indiane, poi commerciante, e di Marguerite De Vaux. (1767) Marguerite Tenderon, figlia di Jacques. Compì un apprendistato di stampatore nelle manifatture di indiane di Cortaillod e dei dintorni. Con i fratelli rilevò le stamperie di Greng (1775) e di Ruz-de-Combe a Saint-Blaise (1779). Nel 1781 si trasferì in Portogallo, dove risiedevano alcuni fabbricanti di indiane di Bienne e Neuchâtel. Nel 1784 acquistò la manifattura di Le Pasquart a Bienne, ampliandola con i figli e i generi, tra cui Johann Rudolf Neuhaus. Si unì agli ambienti progressisti e francofili della borghesia biennese. Fautore delle idee rivoluzionarie e amico di François Augustin Roussel, commissario del Direttorio nel Dipartimento del Mont-Terrible, divenne uno dei maggiori acquirenti dei beni secolarizzati nel principato vescovile di Basilea. Acquistò tra gli altri il castello vescovile di Delémont, i poderi di Löwenburg, proprietà del convento di Lucelle, e quelli di Ritzengrund (comune di Roggenburg). Nel 1798, quando Bienne passò alla Francia, fu eletto nell'assemblea elettorale del Dipartimento, che lo nominò giurato all'alta corte di giustizia. Verso il 1800 si stabilì definitivamente a Delémont, dove creò una tessitura e una filanda e divenne municipale (1801) e sindaco (1805). Giudicato troppo filofrancese, fu destituito nel 1814 da Konrad Karl Friedrich von Andlau-Birseck. Fu giudice del tribunale civile dal 1814.

Riferimenti bibliografici

  • AFam Neuhaus e Verdan presso Museo Neuhaus, Bienne
  • L. Bergeron, G. Chaussinand-Nogaret (a cura di), Grands notables du Premier Empire, 11, 1984, 60 sg.
  • R. Dahler, «Die Bieler Indienneindustrie von den Anfängen bis zum Ende der französischen Zeit», in Annales biennoises, 1988, 68-133
  • W. e M. Bourquin, Biel, stadtgeschichtliches Lexikon, 1999, 459
  • I. Ehrensperger-Katz, «F. Verdan und die Indiennemanufakturen von Greng und Biel im 18. und frühen 19. Jahrhundert», in FGB, 78, 2001, 125-140
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF