de fr it

HansSchübelbach

Menz. la prima volta nel 1427, dopo il 1461 a Glarona, di Glarona. Probabilmente figlio di Rudolf (1388). Coniugato. Non è sempre possibile distinguerlo da suo figlio omonimo, attivo come tesoriere e inviato alla Dieta fed. Fu balivo nel Freiamt (1427 e 1437) e nelle signorie di Freudenberg e Nidberg durante la guerra di successione del Toggenburgo (1444). Secondo la tradizione, fu Landamano di Glarona dal 1444 al 1448 e dal 1456 al 1461; in documenti e recessi è menz. come Landamano nel 1456 e 1457 ed ex Landamano nel 1452, 1455 e 1458. Ricoprì la carica di inviato alla Dieta fed. (dal 1427) e spesso di arbitro. Fu rappresentante plenipotenziario nell'affare di Flums (1428), mediatore nella faida dello Schams (1452) e nei conflitti tra il principe abate di San Gallo e la città di San Gallo risp. Appenzello (1455-58). Nel 1466 S., o piuttosto suo figlio, fu arbitro nella vertenza tra il conte Jörg von Werdenberg-Sargans e i signori von Brandis per il riscatto della signoria di Vaduz.

Riferimenti bibliografici

  • A. Tschudi, Chronicon Helveticum, a cura di B. Stettler, parte 10, 1994, 67; parte 11, 1996, 272, 316 sg., 344-346
  • J. J. Kubly-Müller, «Die Landammänner von Glarus 1242-1928», in JbGL, 46, 1932, 23 sg.
  • R. Kamm, Glarus zwischen Habsburg und Zürich, 2010, 152 sg.