de fr it

HeinrichBräm

17.5.1572 Zurigo, 4.10.1644 Zurigo, rif., di Zurigo. Figlio di Heinrich (->). 1) Anna Schweizer, figlia di Hans, mugnaio; 2) Anna Meiss, figlia di Balthasar, donzello, balivo di Greifensee. Possidente e politico di professione, la sua carriera politica iniziò nel 1594 come segr. giurato e deputato al Gran Consiglio della corporazione dell'Ariete, di cui fu maestro dal 1611 al 1627. Amministratore del convento secolarizzato di Töss (1606), fu balivo di Zollikon e di Küsnacht (1612-26), balivo nei Freie Ämter (1619), viceborgomastro di Zurigo (dal 1618) e tesoriere (dal 1621). Fin dagli inizi venne spesso inviato quale delegato, come per esempio a Durlach (presso Karlsruhe) nel 1612 per firmare l'alleanza di Zurigo e Berna con il margravio del Baden.

B. fu borgomastro (in carica durante il primo semestre dell'anno) dal 1628 al 1644, lavorando in stretta collaborazione con l'influente antiste Johann Jakob Breitinger. Grazie al suo aiuto, B. riuscì a porre fine al conflitto fra Zurigo e i cinque cant. catt. sulla giurisdizione matrimoniale nella Turgovia e sui diritti di patronato nel Rheintal superiore, concludendo un accordo che accolse le rivendicazioni di parità di trattamento di Zurigo. Durante la guerra dei Trent'anni, B. condusse un'energica politica di rappresaglia contro i cinque cant. catt. rei di aver arrestato il turgoviese Kilian Kesselring, responsabile della difesa delle frontiere della Conf. e accusato di collaborare con la Svezia. Insieme a Breitinger, B. fu a capo del Consiglio di guerra zurighese e si dichiarò favorevole a una guerra di Zurigo e Berna contro i cant. catt. e a un'alleanza con la Svezia. La reticenza di Berna permise di evitare un conflitto fra Conf. B. fu il mecenate del pittore Samuel Hofmann, dal quale si fece ritrarre. La sua collezione di dipinti si trova oggi al Kunsthaus e alla Biblioteca centrale di Zurigo.

Riferimenti bibliografici

  • F. Gallati, Die Eidgenossenschaft und der Kaiserhof zur Zeit Ferdinands II. und Ferdinands III., 1619-1657, 1932
  • H. Schulthess, Kulturbilder aus Zürichs Vergangenheit, 4, 1949, 160-162
  • Zürcher Altstadt, 6, 1968
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Lassner, Martin: "Bräm, Heinrich", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 13.12.2002(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/018052/2002-12-13/, consultato il 18.09.2021.