de fr it

Zugerberg

Manifesto con orario realizzato in occasione dell'apertura della funicolare Schönegg-Zugerberg dal grafico basilese Burkhard Mangold, 1907 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).
Manifesto con orario realizzato in occasione dell'apertura della funicolare Schönegg-Zugerberg dal grafico basilese Burkhard Mangold, 1907 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).

Catena montuosa poco popolata (con un'altitudine massima di 1000 m), situata tra la sponda orientale del lago di Zugo e la valle di Ägeri, delimitata a sud dal Walchwilerberg e dal Rossberg. Fino al XIX sec., le corporazioni di Zugo, Unterägeri e Walchwil vi sfruttarono i beni comuni e all'inizio del XXI sec. erano ancora i principali proprietari terrieri. Il turismo si sviluppò grazie alla costruzione della prima strada (1852) e all'apertura degli stabilimenti di cura di Felsenegg (1854) e Schönfels (1869). Il primo venne trasformato nella scuola nuova dello Z. (1917), mentre il secondo ospitò l'Ist. Montana (1926), ancora esistente all'inizio del XXI sec., che nel 1937 assorbì la scuola nuova dello Z. Importante luogo di svago della regione, dal 1907 è servito da una funicolare. L'estrazione della torba, praticata dal XIX sec. e spec. durante le due guerre mondiali, fu abbandonata dopo che la zona paludosa di Z. divenne riserva naturale (1982). Durante la seconda guerra mondiale, la zona, situata al limite del ridotto nazionale, venne fortificata. I lavori di bonifica furono eseguiti soprattutto dai detenuti del penitenziario militare di Früebüel (istituito nel 1943; dal 1989 stazione di ricerca agronomica del Politecnico fed. di Zurigo).

Riferimenti bibliografici

  • M. Dommann, «Meliorieren, Nacherziehen, Spazieren», in Zug erkunden, 2002, 328-351
Link
Controllo di autorità
GND

Suggerimento di citazione

Morosoli, Renato: "Zugerberg", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 25.01.2015(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/018256/2015-01-25/, consultato il 30.10.2020.