de fr it

HansAsper

1499 ca. Zurigo, 21.3.1571 Zurigo, nella chiesa di S. Pietro, di Zurigo. Probabilmente figlio di Heinrich, membro della Konstaffel. (1526) una figlia di Ludwig Nöggi, membro del Gran Consiglio di Zurigo. Seguì probabilmente un apprendistato da Hans Leu il Giovane e sembra avere conosciuto presto le opere di Hans Holbein il Giovane. Pittore ufficiale della città di Zurigo, nel 1531 decorò la piccola sala del Consiglio e la casa del cancelliere, nel 1532 le facciate del palazzo com. e gli orologi della casa-torre Grimmenturm e del tribunale. Realizzò inoltre le pitture ornamentali per le fontane del Rennweg e del Neumarkt (1546), dell'Helmhaus (1568). Nel 1538-39 eseguì la doratura dei quadranti per il campanile di S. Pietro e, verosimilmente nello stesso periodo, le immagini dei 12 mesi sulla facciata del palazzo com. Su incarico del Consiglio di Soletta eseguì una veduta della città e due dipinti raffiguranti le battaglie di Bruderholz (1552) e Dornach (1554). Dipinse blasoni nei castelli di Laufen am Rheinfall (1548), Frauenfeld (1548), Kyburg (1556) e Greifensee (1542, 1563). Fornì i disegni preparatori per le vedute cittadine della cronaca sviz. di Johannes Stumpf, per frontespizi miniati di registri ufficiali e per il blasone degli Escher vom Luchs. Lavorò come disegnatore e silografo per l'editore zurighese Christoph Froschauer. Dal 1545 rappresentò la corporazione della Cincia nel Gran Consiglio di Zurigo, che in riconoscimento dei suoi meriti gli assegnò una rendita vitalizia (1567). Alla morte di A., suo figlio Rudolf proseguì probabilmente da solo l'attività nella bottega.

A. raggiunse notorietà grazie ai suoi ritratti. Se ne conservano una trentina, dal segno netto e dalle tinte vivaci, impostati di profilo o di tre quarti, perlopiù busti (ad eccezione del colonnello mercenario Wilhelm Frölich dipinto a figura intera e nel tipico stile di corte). A. rinunciò alla rappresentazione di interni o paesaggi sullo sfondo, preferendo semmai apporre blasoni e iscrizioni relative ai personaggi effigiati, in gran parte legati a Ulrich Zwingli. Una delle sue prime opere (olio su pergamena, 1531) è il ritratto semplice ma ben caratterizzato del riformatore stesso, di profilo rivolto a sinistra.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso StAZ
  • DBAS, 48 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ ca. 1499 ✝︎ 21.3.1571