de fr it

Jean d'Arces

Menzionato a partire dal 1415, 12.12.1454, a Moûtiers (Savoia). Discendente di una famiglia nobile della parrocchia di Saint-Imier, presso Grenoble. Licenziato in diritto canonico, fu canonico agostiniano. Nel 1415 fu priore di S. Valentino a Bissy (Savoia) e in seguito succedette a suo zio, Hugues d'Arces, come prevosto del Gran San Bernardo (1419-1438). In occasione del capitolo generale di Etoy (1437) promulgò nuovi statuti per la prepositura che, sebbene effimeri, nel 1438 servirono da riferimento per la redazione delle costituzioni riformatrici. Arcivescovo della Tarantasia dal 1438 al 1454, dal 1439 prese parte al Concilio di Basilea, dove fu il rappresentante del presidente, Louis Aleman; fu tra i padri conciliari che elessero l'antipapa Felice V. Nel 1444 venne fatto cardinale.

Riferimenti bibliografici

  • L. Quaglia, La Maison du Grand-Saint-Bernard des origines aux temps actuels, 19722, 80-82
  • Helvetia Sacra, IV/1, 1997, 176-178; I/5, 2001, 606
Link
Scheda informativa
Dati biografici Prima menzione 1415 ✝︎ 12.12.1454

Suggerimento di citazione

Zenhäusern, Gregor: "Arces, Jean d'", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 07.09.2001(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/018424/2001-09-07/, consultato il 05.03.2021.