de fr it

Maximus

Eletto vescovo di Ginevra probabilmente nel 512/513. Nel 513 ca. fece costruire una chiesa sulle rovine di un tempio romano ad Annemasse, presso Ginevra. In occasione della consacrazione dell'edificio tenne una predica l'arcivescovo e suo amico Avitus di Vienne, di ritorno da Saint-Maurice, dove il 22.9.515 era stata fondata l'abbazia. M. partecipò ai Concili di Epaone (517) e di Lione (tra il 518 e il 523). Fu lui a consigliare al patrizio romano Sigismondo, figlio dell'allora reggente re Gundobado, di fondare un convento a Saint-Maurice, per porre il regno di Borgogna sotto la protezione di S. Maurizio.

Riferimenti bibliografici

  • HS, I/3, 65 sg.
  • J. Favrod, Histoire politique du Royaume burgonde (443-534), 1997, 384
Link

Suggerimento di citazione

Wildermann, Ansgar: "Maximus", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 29.10.2009(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/018427/2009-10-29/, consultato il 19.06.2021.