de fr it

Leudemundus

Menzionato la prima volta nel 613 . Il suo nome fa supporre un'origine burgunda. Vescovo di Sion, con il patrizio burgundo Alethius ordì una rivolta contro il franco Herpo, che nel 613, dopo l'esecuzione della regina Brunilde, era stato nominato duca del pagus Ultrajoranus (territorio compreso tra il Giura e le Alpi) dal re franco, Clotario II. Cercò invano di convincere la moglie di quest'ultimo, la regina Bertrude, anch'essa burgunda, di mettere al sicuro il proprio patrimonio a Sion e di sposare Alethius. L. fuggì quindi a Luxeuil e poco dopo fu graziato per intercessione dell'abate Eustasio. Già nel 614 prese parte al Concilio regio di Parigi, convocato da Clotario II.

Riferimenti bibliografici

  • J. Favrod, Histoire politique du royaume burgonde (443-534), 1997, 463
  • HS, I/5, 136