de fr it

AlexanderWildermeth

12.9.1737 Bienne, 1.3.1800 Pieterlen, rif., di Bienne. Figlio di Alexander Jakob (->). Fratello di Jakob Sigmund (->). 1) (1758) Marguerite de Treytorrens; 2) (1788) Marie Anne Calame; 3) una governante. Studiò diritto a Losanna e Berna (1753-55). Fu amministratore dell'intendenza di Bellelay per conto del padre (1756), capitano (1758), membro del Gran Consiglio di Bienne (dal 1761), maestro della corporazione Zum Wald (Stubenmeister, 1762), capitano della città (1767), amministratore di Bellelay (1769), membro del Piccolo Consiglio e appaltatore dei sali (dal 1772), alfiere (1778-82), maior (1782-97) e membro del Consiglio di reggenza del principe vescovo (1792). Destituito dai Francesi (1797), divenne grande elettore (1798). Nel 1784, in occasione del ricevimento del principe Enrico di Prussia, allacciò durevoli rapporti tra la sua fam. e la corte prussiana. Si impegnò per la separazione dei territori meridionali del capitolo cattedrale (Moutier, Bellelay) dall'Impero e per la loro annessione alla Conf.

Riferimenti bibliografici

  • M. Jorio, Der Untergang des Fürstbistums Basel (1792-1815), 1982, 286 sg.
  • W. e M. Bourquin, Biel, stadtgeschichtliches Lexikon, 1999, 487
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Appartenenza familiare
Dati biografici ∗︎ 12.9.1737 ✝︎ 1.3.1800

Suggerimento di citazione

Schmid, Thomas: "Wildermeth, Alexander", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 30.10.2013(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/018825/2013-10-30/, consultato il 29.10.2020.