de fr it

JoachimMeggeli

Copia di un ritratto dell'epoca. Olio su tela realizzato da Heinrich Rothweiler, 1905 (Museum Appenzell).
Copia di un ritratto dell'epoca. Olio su tela realizzato da Heinrich Rothweiler, 1905 (Museum Appenzell).

al più tardi nel 1520, 27.9.1590 Appenzello (Rhode di Schwende), catt. Figlio di Joachim, cancelliere. Abiatico di Hans (->). 1) Anna Gartenhauser; 2) Barbara Zimmermann; 3) Barbara Scheuss; 4) Anna Mutscheller, vedova Stadler. Fu cancelliere (1543-53), otto volte primo Landamano del cant. Appenzello (1553-87), alfiere e amministratore dei beni della parrocchia di A. (Kirchenpfleger, 1570) e ca. 90 volte inviato alla Dieta fed. Nel 1560 pose fine agli abusi nell'amministrazione secolare del convento di Wonnenstein, assicurandone la sopravvivenza. Condusse le trattative con l'abbazia di San Gallo che portarono nel 1566 al riscatto dei diritti di manomorta. Su sua iniziativa ad Appenzello furono introdotti un registro dei battesimi (1570) e il calendario gregoriano (1584), rimasto in vigore nelle Rhoden esterne solo fino al cosiddetto "affare del calendario" (1589-90). Fece venire i cappuccini ad Appenzello, per cui fece erigere un convento (1587-90). Nel 1587-88 spinse il Consiglio a rafforzare il principio di unità confessionale nelle parrocchie tanto che i rif. delle Rhoden del "Paese interno" (Inneres Land, oggi Innerer Landesteil) furono costretti ad abiurare o a lasciare il territorio. Promosse pure l'adesione alla Lega d'Oro, avvenuta nel 1600. Nel 1588 Appenzello si unì all'alleanza spagnola, ciò che suscitò forti opposizioni nelle Rhoden esterne.

Con Bartholomäus Dähler e Johannes Heim M. fu alla testa di una nuova influente generazione di uomini politici, che dalla metà del XVI sec. promosse la Riforma catt. e l'opposizione controriformistica nei confronti dei rif. Progettò la ricostruzione di Herisau e Appenzello, distrutti da incendi risp. nel 1559 e nel 1560. In quest'ultimo com. realizzò la nuova navata della chiesa parrocchiale, il palazzo com. e la casa adiacente, in cui visse.

Riferimenti bibliografici

  • AWG, 208
  • AppGesch, 1
  • J. Gisler, «Landammann Meggeli der jüngere oder der ältere?», in IGfr., 28, 1984, 62-67
  • H. Bischofberger, Rechtsarchäologie und rechtliche Volkskunde des eidgenössischen Standes Appenzell, Innerrhoden, 2 voll., 1999
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF