de fr it

AlbrechtKauw

Veduta dell'ex certosa di Thorberg, sede del balivo bernese; acquerello dell'artista firmato e datato 1669 (Bernisches Historisches Museum) © Fotografia Stefan Rebsamen.
Veduta dell'ex certosa di Thorberg, sede del balivo bernese; acquerello dell'artista firmato e datato 1669 (Bernisches Historisches Museum) © Fotografia Stefan Rebsamen. […]

26.11.1616 Strasburgo, nel 1681/1682 a Berna, prot., originario dell'Alsazia. Figlio di Conrad Koha, agiato commerciante di vini, e di Anna-Maria Volmar. Katharina Meyer, di Zofingen. Trascorse l'infanzia e la gioventù probabilmente a Strasburgo. Si formò verosimilmente nella cerchia del pittore e miniatore Georg Brentel e del pittore di nature morte Sebastian Stoskopff. Verso la fine degli anni 1630-40 giunse a Berna, dove è attestato per la prima volta nel 1639 con due ritratti firmati e datati di Gabriel von Diesbach e Anna von Wattenwyl. Pagò la tassa d'entrata solo nel 1643, non ottenne mai la cittadinanza e per tutta la vita rimase dimorante di Berna. Nel 1649 eseguì una copia, costituita da 24 acquerelli, della danza macabra di Niklaus Manuel nel chiostro del convento domenicano, che fu distrutto poco dopo, e la offrì in dono al Consiglio. In cambio ottenne regolarmente incarichi pubblici. Negli anni 1650-60 realizzò nature morte raffiguranti cacciagione, frutta e verdura per le sale da pranzo di dimore di campagna bernesi. Questi dipinti di doni e di prodotti della natura, a volte dalle dimensioni di intere pareti, ritraevano piante coltivate e generi alimentari indigeni per il fabbisogno quotidiano. Nel 1666 ricevette dall'autorità bernese un privilegio per la vendita di incisioni su rame e quadri. Tra il 1665 e il 1675 divenne il pittore più attivo di Berna. Realizzò così 86 paesaggi all'acquerello di signorie, castelli e residenze di campagna bernesi (1669-71) per l'Ämter-, Regiments- und Geschlechterbuch di Victor von Erlach. Per la realizzazione su commissione di interi cicli pittorici (vedute, paesaggi ideali, quadri storici di carattere biblico o profano e allegorie), destinati alla decorazione degli interni di castelli e residenze di campagna bernesi, si basò in parte su modelli grafici realizzati da artisti intern. Anche l'arredo artistico, in gran parte conservato, del nuovo castello di Oberdiessbach, eseguito su incarico di Albrecht e Niklaus von Wattenwyl, è attibuito a K. Oltre ad alberi genealogici e stemmi di famiglia, la sua vasta opera comprende allegorie e ritratti di gruppi o di singoli.

Riferimenti bibliografici

  • DBAS, 562 sg.
  • G. Herzog, A. Kauw (1616-1682), 1999
Link
Altri link
SIKART
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ≈︎ 26.11.1616 ✝︎ nel 1681/1682