de fr it

LudwigBär

24.5.1479 Basilea, 14.4.1554 Friburgo in Brisgovia, catt., di Basilea. Figlio di Hans, bottegaio e cambiavalute. Fratellastro di Hans (->). Dopo probabili studi iniziali all'Univ. di Basilea, si trasferì a Parigi, dove nel 1499 ottenne il grado di magister. Fece in seguito studi di teol., che concluse nel 1511 con una brillante tesi di dottorato. Dal 1513 fu professore ordinario alla facoltà di teol. dell'Univ. di Basilea; venne nominato rettore dell'ateneo (1514 e 1520) e decano della facoltà (1514 e 1528); fu inoltre vicecancelliere dell'Univ. Esercitò notevole influsso anche quale dignitario ecclesiastico: fu canonico (1513) poi prevosto (dal 1518) della chiesa basilese di S. Pietro; nel 1526, prima dei disordini legati alla Riforma, fu nominato canonico del duomo.

Nel 1526 fu uno dei quattro pres. della Disputa di Baden. Grande esperto di teol. scolastica e ardente sostenitore dell'Umanesimo, ebbe uno stretto legame di amicizia, basato su grandi affinità, con Erasmo da Rotterdam, che lo chiamò theologus absolutissimus; godette inoltre della stima di numerosi insigni studiosi dell'epoca. Nelle controversie confessionali ebbe in un primo momento un atteggiamento riservato e moderato; inizialmente sembrò anzi manifestare una certa approvazione verso i tentativi di riforma. Più tardi se ne distanziò invece nettamente, tanto da lasciare nel 1529 Basilea per trasferirsi a Friburgo in Brisgovia. Qui riprese nel 1531 l'insegnamento univ., rimanendo poi sempre uno strenuo sostenitore del cattolicesimo. Nella primavera del 1535 si recò a Roma; in un'udienza papale cercò di sensibilizzare la curia romana alla situazione sviz. Dal 1539 al 1541 soggiornò periodicamente quale canonico a Beromünster. La sua opera Pro salutari hominis ad felicem mortem praeparatione fu pubblicata nel 1551 a Basilea da Johannes Oporinus.

Riferimenti bibliografici

  • A. Burckhardt, «Die Familie Bär», in Basler Biographien, 1, 1900, 59-89
  • Wackernagel, Basel, 3
  • P. G. Bietenholz (a cura di), Contemporaries of Erasmus, 1, 1985, 84-86
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 24.5.1479 ✝︎ 14.4.1554