de fr it

GaspardAndré

16.3.1840 Lione, 12.2.1896 Cannes (F), rif.; il padre era originario del cant. Vaud. (1871) Blanche Vincent. Dopo il liceo studiò belle arti a Lione (1856) e a Parigi (1862), dove frequentò l'atelier Questel. Nel 1865 ottenne il secondo premio al premio di Roma e tra il 1867 e il 1868 soggiornò in Italia. Si aggiudicò numerosi concorsi in Francia e in Svizzera, tra cui quello per il Palais de Rumine a Losanna (1890), di cui curò il progetto definitivo; la morte gli impedì tuttavia di vedere realizzato quello che egli stesso riteneva fosse il suo lavoro migliore. Grande conoscitore dell'arte antica e dell'architettura it., progettò costruzioni stilisticamente eclettiche, come la chiesa rif. di Lione del 1884, e propose ingegnose soluzioni planimetriche.

Riferimenti bibliografici

  • F. Chanson, «Le Palais de Rumine à Lausanne», in RSAA, 40, 1983, 40-59
  • G. Richaud, «Le temple des Brotteaux à Lyon», in Travaux de l'Institut d'histoire de l'art de Lyon, 1985, 126-137
  • Architektenlex., 21
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Abraham-Gaspard André (nome alla nascita)
Dati biografici ∗︎ 16.3.1840 ✝︎ 12.2.1896

Suggerimento di citazione

Neuenschwander Feihl, Joëlle: "André, Gaspard", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 02.08.2001(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/019436/2001-08-02/, consultato il 12.05.2021.